domenica 6 febbraio 2022

Giornata mondiale zone umide in Pian di Spagna

Domenica 6 febbraio, nella zona nord delle Riserva Pian di Spagna e lago Mezzola, Legambiente, WWF, CROS Varenna e ORMA, che insieme sorvegliano, difendono e fanno conoscere la Riserva Naturale sotto il nome collettivo OCCHI SUL PIAN DI SPAGNA, hanno “aperto” presso la Cascina Poncetta uno striscione che ricorda il 2 febbraio come Giornata mondiale delle zone umide. “Rispetta, ama, proteggi la Riserva del Pian di Spagna” la scritta esibita.


Intanto un gruppo, tra cui famiglie con bambini, ha partecipato alla passeggiata riflessiva per entrare in sintonia con la natura di questo luogo: cammino silenzioso, e soste in cerchio, distanziati, per seguire la parola della maestra di yoga Rossella Gusmeroli.


«La proposta ha raccolto molte adesioni e quindi è stato necessario limitare il numero dei partecipanti come prescrive il Regolamento della Riserva - dichiara Costanza Panella, Legambiente, rappresentante delle Associazioni Ecologiste nella Comunità della Riserva - purtroppo il valore di quest’area umida, la più estesa dell’arco alpino con il suo scrigno di biodiversità non è ancora pienamente compreso dalla comunità locale. Lo testimonia ancora una volta il vasto incendio, con tutta probabilità doloso che ha distrutto ettari di canneto e tutta la microfauna che lo abitava».
Nei giorni scorsi, il Presidente della Riserva ha convocato un tavolo tecnico invitando autorità ed enti per trovare una soluzione a questo problema endemico.



"Non è accettabile che, pur sapendo bene di questa triste “usanza locale”, il periodo nella quale si tiene, le condizioni atmosferiche che lo favoriscono... tutti gli anni si debba assistere a questo sfacelo che “sorprende” regolarmente i responsabili della Riserva e che non trova mai colpevoli. Armati solo di normali binocoli e tanta buona volontà, compresa quella di passare ore e ore al freddo delle notti di gennaio e febbraio…qualche anno fa un altro gruppo di Eco-Volontari, nel quale le GEV erano trave portante, misero in atto un servizio di vigilanza avvertendo immediatamente i pompieri al primo accenno di fuochi e per tre anni il Pian di Spagna non bruciò!!" aggiunge Villiam Vaninetti, responsabile del WWF Valtellina e Valchiavenna.

"Se ciò può essere accaduto solo con gli appostamenti volontari perché non dovrebbe essere possibile, con le telecamere termiche e una vigilanza frequente delle guardie provinciali e delle Gev attraverso un efficace coordinamento dell’Ente Riserva?" si interroga Massimo Benazzo, Associazione ORMA.


"Non ci convince la corsa alla pulizia sistematica della Riserva che qualcuno raccomanda – dichiara Lello Bazzi, presidente CROS Varenna – al contrario ci preoccupa, in quanto non riteniamo che la raccomandazione abbia come fine soltanto la raccolta di cartacce e simili, ma si riferisca al taglio delle cosiddette erbacce delle aree marginali. Complessi vegetali che, benché ai più appaiano fonte di disordine e carenza manutentiva, sono piene di vita".

domenica 23 maggio 2021

Settimana europea dei parchi

https://www.facebook.com/hashtag/settimanaeuropeadeiparchi 

Nella Riserva Naturale Pian di Spagna e lago Mezzola con OcchisulPiandiSpagna, Legambiente Valchiavenna e Lario Orientale: yoga sul prato della Poncetta con Rossella Gusmeroli e passeggiata guidata con Gaia e Lello del Cros Varenna. Pranzo al sacco. Una buona giornata.

 





domenica 24 maggio 2020

24 maggio 2020 - Giornata Europea dei Parchi e delle Riserve

#ParksforHealth
#AbbracciamolaRiserva
Visto le disposizione inerente al decreto COVID19, non è stato possibile organizzare un uscita pubblica in onore alla Giornata Mondiale dei Parchi e Riserve, ma un segno di presenza a ricordare a tutti l’importanza di queste aree protette lo abbiamo fatto con i soli rappresentanti delle associazioni ambientaliste raggruppate in Occhi-sul-pian-di-spagna.




La bella giornata di sole e l’area della riserva visitata ancora abbastanza naturale ci ha regalato tanti incontri emozionanti.

Primo fra tutti lo sfrecciare del Falco cuculo, piccolo rapace molto raro in riserva



Poi è toccata la volta del Nibbio reale, interessante la sua presenza sempre più regolare in questa zona.





Le siepi e il bosco sono un continuo chiacchiericcio di piccoli passeriformi come la Cannaiola verdognola.


Il Codirosso comune


Il Pigliamosche

e sui fili le rondini



Non solo gli uccelli hanno allietato la passeggiata, un Gelso ha stimolato i golosi di frutti di bosco.

 
Una osservazione entomologica molto importante è stata l’osservazione di una libellula si tratta di una Oxygastra curtisii priva volta che la si osserva nella Riserva del Pian di Spagna.

si conclude la passeggiata con una bella farfalla, la Apatura ilia.
 
Una passeggiata salutare in questo ambiente è sempre un piacere sia per il fisico sia per la mente, cerchiamo di mantenerla più naturale possibile.

 

domenica 2 febbraio 2020

Ricordo della giornata del 2 febbraio 2020

L'iniziativa del 2 febbraio 2020, giornata mondiale delle zone umide, nella Riserva Naturale Pian di Spagna e lago Mezzola, organizzata da "Occhi sul Pian di Spagna”, che riunisce Legambiente, CROS Varenna, WWF e O.R.M.A, ha avuto grande successo per il numero e la qualità dei partecipanti. Sessanta persone, tra cui una decina di bambini, divisi in gruppi separati per rispettare il regolamento della Riserva, hanno camminato per tre ore nella parte meridionale attraverso i prati e i campi tra il Lario e la Mera. Gli appassionati ornitologi Gaia, Lello, e Roberto del Cros e Massimo di O.R.M.A. li hanno guidati nell'osservazione dell'avifauna con l'aiuto dei loro binocoli. E’ stata anche l’occasione di vedere gli aspetti critici della zona: le chiusure degli accessi al lago e i rifiuti o le imbarcazioni abbandonati lungo le rive. Un’ottima accoglienza della Riserva nella sua sede per un semplice pasto conviviale a base di zuppe di legumi e di cipolle, pane e noci, chiacchiere al forno, organizzato dal Circolo di Legambiente. Dopo pranzo tre interessanti presentazioni, a cura di Pierfranco Mastalli, Roberto Brembilla e Costanza Panella con proiezione di foto sugli aspetti storici, naturalistici e paesaggistici della Riserva, per farne apprezzare il valore e per far comprendere la necessità di rispettarla e difenderne la biodiversità. Alla fine una poiana aspettava i visitatori all'uscita.
Le luci del Pian di Soagna

Alla ricerca di specie da osservare



Il gruppo dei partecipanti riunito


Il pomeriggio in sede della riserva



Abitanti della riserva: la Poiana


Abitanti della riserva: il Cigno reale

No al ponte sull'Adda